I libri di Siena al Salone del Libro di Torino

03/05/12 | Libri

La Siena dell’editoria scrive una nuova pagina della sua storia puntando sull’unione per la partecipazione alla XXV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino (10-14 maggio). Saranno 18 le case editrici sotto il marchio di Sienalibri.it, portale della cultura senese, che parteciperanno alla più importante fiera letteraria italiana. Nel padiglione 3 Stand S75 saranno in esposizione le principali novità e una selezione dei titoli in catalogo, oltre a presentazioni e incontri con gli autori.

È il quarto anno consecutivo che Sienalibri.it è presente a Torino, anche quest’anno grazie al sostegno della Provincia di Siena, che da sempre promuove la lettura e sostiene l’editoria locale, ed al contributo di Banca Mps. In questo modo gli editori senesi potranno presentare al Salone le loro principali novità e una selezione di titoli del loro catalogo.

Al Salone saranno presenti anche 10 editori da tutta la Toscana, nell’ambito dello spazio coordinato da Toscanalibri.it, di cui 3 da Siena (Edizioni Cantagalli, Betti Editrice, primamedia editore), 2 da Arezzo (RadiciMusic Records, editrice Zona), 3 da Firenze (Edizioni Polistampa, Le Lettere, Olschki Editore), 1 da Grosseto (Edizioni Effigi). Lo stand ospiterà anche le pubblicazioni del CRIC – Coordinamento Riviste Italiane di Cultura con un insieme di riviste edite in Toscana.

«Il nostro sostegno è mirato alla valorizzazione delle piccole imprese editoriali che operano nel territorio in ambito culturale e che danno lavoro a moltissime persone – spiega Simone Bezzini, presidente della Provincia di Siena -. In un momento di difficoltà come quello attuale in cui dobbiamo riprogettare il nostro sviluppo, sostenere quelle imprese che fanno cultura è un piccolo tassello della strategia di contrasto alla crisi. Sono certo che la cultura è un filone che darà nell’immediato futuro maggiore opportunità di crescita economica».

«Il Salone del Libro di Torino è uno degli appuntamenti più significativi a livello nazionale – ha aggiunto Luigi Oliveto, direttore di Sienalibri.it – ed essere presenti è fondamentale per la promozione dell’editoria senese. Diversamente non penso che sarebbe stato possibile partecipare per questi editori. Da sottolineare inoltre è la forma di veicolazione dell’immagine senese in una vetrina importantissima grazie proprio alla produzione letteraria di questa città»

 

MULTIMEDIA
Fotogallery